Platone all’asilo

E torno a parlarne. Ogni volta che apro un blog mi ritrovo, in un modo o nell’altro, a trattare sempre questo argomento. Un chiodo fisso potremmo chiamarlo. Il giorno del mio ventunesimo compleanno sono addirittura finita a Padova per seguire il filo dei miei pensieri.

Era il 2004/2005. Io nemmeno sapevo cosa fosse la filosofia. Forse nemmeno ora lo so con esattezza, ma insomma, un’ideuzza ce l’ho. Fatto sta che io frequentavo la terza liceo. La professoressa entrò in aula per la prima volta. Era mia parente, tra l’altro, e apparteneva a quella cultura di sinistra che le cose te le devi sudare, soprattutto se tra noi c’è un legame di parentela. Sacrosanto, ma quanto ho faticato lo so solo io.

Ad ogni modo, lo ricordo come se fosse ieri, la professoressa entrò in classe, si diresse verso la lavagna, scrisse con il gesso il proprio nome e cognome e appena sotto 5 parole: che cos’è la filosofia? Ci distribuì delle fotocopie. Era un ritaglio di giornale, un trafiletto di non molte battute ma pregnante, che ogni tanto recupero e rileggo: “Platone all’asilo” di Ermanno Bencivenga.

Cito dal trafiletto:

La filosofia è una pratica, un modo di vivere, non un insieme di contenuti. Uno studente o un insegnante potrebbero ripetere fedelmente contenuti “filosofici” senza avvicinarsi di un passo alla filosofia, così come un altro potrebbe imparare a memoria mille poesie senza essere un poeta: definisce un filosofo lo spirito con cui parla e agisce, non quel che dice o fa. La pratica filosofica è un’educazione alla libertà: un esercizio costante al superamento delle abitudini consolidate, dei luoghi comuni, delle strutture di potere.

E conclude:

Infine, se la libertà è la caratteristica fondamentale degli esseri umani, a nessuno dovrebbe essere negata l’opportunità di praticarla; non è mai troppo presto per cominciare o troppo tardi per proseguire. Insegniamo ai bambini dell’asilo, con favole e filastrocche, a contestare l’ovvio. E continuiamo fino in tarda età, perché quando finisce la riflessione filosofica finisce anche quel che ci distingue da una pietra o da una pianta.

Inutile dire come, da allora, questo breve articolo abbia segnato la mia concezione della filosofia, della didattica e un po’ anche la mia frustrazione nei confronti di un sistema di insegnamento che sento stretto (tutti gli esami di storia della filosofia sono stati per me una tortura. Imprescindibili, per carità, ma una morsa alla gola). “Platone all’asilo” “bambini” “contestare l’ovvio”… hanno avuto su di me l’effetto della luna sulle maree. Ciò mi ha portata a Philosophy for children e al mio viaggio a Padova dalla prof. Marina Santi (consigliatami da Bencivenga), al corso di teoria della narrazione e alla mia passione per le fiabe.

Provate ora a immaginare la mia faccia quando scoprì dell’esistenza della meravigliosa collana di libri curata da Oscar Brenifier (intervista) e illustrata da Jacques Després.

      

E tanti altri volumi…

La prima volta che vidi “Il libro dei grandi contrari filosofici” alla fnac volevo morire. Ero estasiata. Sembravo una bambina il giorno di Natale. Un’opera che, nella sua estrema semplicità, riesce a condensare grandi concetti in poche righe e a esplicitarli in illustrazioni chiarificatrici e meravigliose. Me lo feci regalare un paio di natali fa e nella quarta di copertina scrissi a penna “Questo libro come monito del perché faccio filosofia. Remember it.

Chissà se poi alla fine della fiera tutto ciò mi tramuterà in autrice di libri per bambini, nella speranza che abbandonino la tv e leggano più fiabe.

4 pensieri su “Platone all’asilo

  1. Flavio ha detto:

    Meravigliosi, li avevo notati alla Fiera del Libro, il miglior “incontro” di quella giornata. I “trafiletti”, condivisibilissimi. Io poi che amo filosofeggiare, senza spere nulla o quasi di Filosofia… Filosofia Spicciola dovrebbe essere una materia 🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...