Comment c’est

Il sistema universitario ti toglie ogni forza, ti stringe un cappio al collo, si stringe come un golfino lavato ad una temperatura errata e te ne accorgi solo quando comincia a mancarti l’aria. Potresti provare un senso di nausea per la boria dei tuoi colleghi e anche arrivare a dimenticare il perché eri così felice quando hai cominciato.

Tuttavia, ogni tanto, leggendo e studiando giunge una boccata d’aria fresca, fa capolino, in mezzo alla delusione, IL ricordo del perché ho scelto di essere qui e di studiare filosofia e questo mi consola enormemente: significa che non mi sto proprio torturando per prendere un pezzo di carta per niente.  Quando riesco a sentire una sorta di frenesia e irrefrenabile meraviglia allora so che è la direzione giusta. Lo stesso senso di meraviglia che ti fa persino spuntare un sorriso.

E niente. Stamattina ho letto questo e mi è spuntato un sorriso, nonostante sia un concetto veramente triste. So’ strana, non giudicatemi per questo.

Se ogni romanzo si basa sulla costruzione di un “mondo possibile”, la fine di questo romanzo (ndr. Comment c’est di S. Beckett) ne è viceversa la completa decostruzione, l’abiura. Non erano che fantasie, sciocchezze; la letteratura non è altro che invenzione quindi menzogna.

Il mondo in cui viviamo è privo di senso, di giustizia, di logica. Esso esiste ma non è costruito: non contiene quindi delle regole, come quelle che agiscono nella creazione di mondi letterari. Perduti in questo universo di eventi contingenti, assetati di un qualsiasi ordine razionale che possa essere proiettato sulle cose, cediamo a quella debolezza che ci illude che gli eventi custodiscano un ordine segreto, e che la forza del linguaggio – la trasformazione ad esempio dell’esprerienza in racconto – ce lo possa svelare.

Prof. Ferraro – Corso di teoria della narrazione (Torino)

Che poi magari è una cazzata, ma non è fondamentale che abbia per forza senso per voi. Io l’ho trovato un concetto bellissimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...